Il gruppo Orlandi, Nato nel 1921, attualmente rappresenta una realtà commerciale di rilievo nel territorio del Sud-Pontino. L’ultimo ventennio ha visto la trasformazione della Società in un Gruppo di attività, che spaziano dalla distribuzione di prodotti alla vendita al dettaglio, alla fornitura di servizi, proiettando così l’intero Gruppo in un futuro di espansione commerciale che coinvolge anche Città limitrofe. La realizzazione di un Centro Polifunzionale, atto a soddisfare le diverse esigenze legate ad attività di diverso genere, è attualmente la prossima meta del Gruppo, sempre proiettato in nuove evoluzioni commerciali senza mai perdere di vista la mission.

  1. La storia commerciale della famiglia Orlandi inizia con la bottega artigiana di “Mastro Peppino” che lavora il rame ne “la piazzetta” di Formia (Latina).
  2. I figli di Mastro Peppino: Filippo, detto Giovannino, e Francesco, detto Ciccillo, iniziano la trasformazione della bottega in piccolo negozio di generi diversi, con particolare attenzione al settore ferramenta.
  3. 1949. La piccola azienda Orlandi, ripresasi dai danni della Guerra, si trasferisce in via Vitruvio in un negozio di circa 500mq., dove agli articoli di ferramenta vengono aggiunti altri settori merceologici, come materiale da costruzione ed elettrico, sanitari e casalinghi.
  4. Un nuovo magazzino di circa 1000mq. si aggiunge al precedente con nuovi settori merceologici come arredamento, giocattoli, ceramiche, cristallerie.
  5. 1970. Il 5 dicembre aprono i Grandi Magazzini Orlandi. Raro esempio di coraggio imprenditoriale. In una città come Formia, allora di circa 35.000 abitanti, nasce una struttura di 6 piani per un totale di 7.500mq. dei quali “solo” 5.500mq. vengono adibiti alla vendita. I settori merceologici spaziano dalla ferramenta alla profumeria, ai giocattoli, all’arredamento e articoli da regalo.
  6. Ha inizio la partnership con il Gruppo COIN, di Mestre. L’arrivo di articoli di altissima qualità e l’introduzione di abbigliamento Uomo-Donna-Bambino, comporta una ristrutturazione della struttura.

1985.Un nuovo ed importante settore merceologico viene introdotto nella struttura di via Vitruvio:un Supermercato alimentare ad insegna Maxisidis ora (MaxiSigma) completo della zona Banco a Taglio,Macelleria,Frutta & Verdura.

  1. Anticipando i tempi il Gruppo Orlandi decide di sfruttare integralmente gli spazi a disposizione, utilizzando tutti i 7.500mq. della struttura. Nasce così l’Orlandi Shopping Center, rivisitazione in chiave moderna dei precedenti Magazzini Orlandi. Vengono introdotti settori nuovi ed al passo con i tempi commerciali, quali: Elettrodomestici, Video, HI-FI ed anche un ristorante della catena McDonald’s. E’ chiara intenzione della famiglia Orlandi portare avanti quanto costruito negli anni, consolidando la presenza del centro commerciale in Formia ed aprendo nuovi orizzonti allo spirito imprenditoriale, vera caratteristica familiare…

Luglio 2007. Apertura al pubblico di uno spettacolare ascensore panoramico con vista sul mare del Golfo di Gaeta uno strumento commerciale per far apprezzare a tutti i visitatori della citta’ anche le bellezze naturali della nostra zona.

Per il triennio 2016-2018

E’ prevista una nuova ristrutturazione del centro che portera’ tante novita’ merceologiche con l’obiettivo di migliorare il servizio offerto ai clienti.

 

Dal Rame alle Patatine

STORIA DI UNA FAMIGLIA E DI UNA IMPRESA CHE HANNO CAMBIATO FORMIA

 

Orlandi, la scritta è enorme e “domina” l’insegna del Mc Donald’s in Via Vitruvio a Formia. Ogni giorno 5.000 persone entrano dentro l’edificio che è nato negli anni ’70 con l’orgoglio di rifare “La Rinascente” di Milano a Formia. Oggi nel mondo della globalizzazione è facile immaginare collegamenti di questo genere, allora in pieno boom economico era idea ardita, da innovatori. Allora c’era un carosello Tv, la pubblicità di allora, in cui un personaggio apostrofava ogni innovazione con “non dura minga”. Invece? La Rinascente a Formia è nata, ma ha il nome di una famiglia di Formia, gli Orlandi e oggi ha battuto anche la grande distribuzione.

Questo è lo spirito della famiglia Orlandi, una delle dinastie imprenditoriali del commercio più antiche della provincia.

La storia, come tutte le storie, ha tanti inizi. Inizia con il bisnonno che da lavoratore dipendente passa a vendere rame, oggetti di rame. E quella passione c’è ancora nel cuore della famiglia con l’attività dei prodotti per il fai da te (oggi si chiama bricolage), il punto legno, che ricorda la scelta del primo Orlandi imprenditore di vendere utensili per aiutare il lavoro di tutti i giorni. Poi si passa ai materiali per l’edilizia. Un altro pezzo di questa saga, una di quelle storie di impresa che starebbero bene in Brianza, in quei paesi intorno a Milano che finiscono tutti per “ate”, invece è una storia di Formia. Una storia dura come tante in quegli anni in cui la guerra ancora non c’era e il Paese cresceva lentamente, dove i cambiamenti erano segnati da antiche tradizioni e tutto sembrava destinato a rimanere uguale, come uguale era stato per secoli. Una lentezza spezzata dalla guerra, le bombe hanno distrutto le città, le cose, le imprese. Il magazzino di prodotti edili degli Orlandi, orgoglio per chi lo aveva creato non c’era più. Ma il giorno stesso in cui loro, gli Orlandi sono rientrati, hanno “ricominciato”. La parola chiave di questa famiglia è proprio quella che segna un nuovo inizio: ripartono dal commercio di semenselle, piccoli chiodi per calzature, poi c’era da ricostruire una città e tornano a lavorare con i materiali edili. E’ un successo: con i loro prodotti si “costruisce” la nuova Formia. Nei magazzini i prodotti vengono caricati sui carri trainati dai muli, poi arrivano i primi timidi ed impacciati furgoni. Siamo nel boom, l’Italia cresce e Formia diventa una città. Gli Orlandi non si fermano e fanno una cosa che pare folle: buttano giù l’edificio che hanno in Via Vitruvio per far posto a La Rinascente degli Orlandi. Tutti, anche i più arditi innovatori gli hanno dato dei folli, risuonava il “non dura minga”. Invece? Hanno creato i grandi magazzini in Via Vitruvio. E per anni hanno accompagnato i consumatori di Formia ad un nuovo modo di vita, hanno inventato il consumo.

Poi l’arrivo della grande distribuzione, delle catene. Ma la famiglia Orlandi rinnova lo spirito del fondatore, quello che li ha portati a ripartire dalle semenselle, quello della Rinascente a Formia e questa volta ricominciano dalla Mc Donald’s. Una sfida davvero a 180 gradi per una città dove il mangiare è cultura, dove le tradizioni e la famiglia passano per la cucina. Una sfida che hanno vinto. Oggi si fa la fila per andare nei magazzini Orlandi, come negli anni ’60 e al Mc Donald’s,ma “la scritta Orlandi è più grande”.

Orgoglio di una famiglia di imprenditori di Formia alla 4a generazione il Centro Commerciale Orlandi è motivo di grande interesse per i comuni limitrofi.

E la storia continua.